E’ iniziata il 24 agosto, con anticipo rispetto alla media della Docg Gavi anche la 92° vendemmia 2011 di LA SCOLCA . “Merito di studiati diradamenti e delle avanzate tecniche di coltivazione messi in atto”. Un alto livello qualitativo contraddistingue l’annata 2011 di La Scolca: “La differenza fondamentale per la qualità dell’uva bianca è stata quella di avere delle notti fresche che hanno permesso alla pianta di recuperare lo stress del caldo giornaliero”.  E da qui un’ interessante qualità raggiunta sia dei contenuti aromatici che per quanto riguarda il bilanciamento tra acidità e zuccheri, la vita non ha subito particolare stress e le uve sono sane e molto belle, con un buon grado zuccherino e tenori di acidità piuttosto buoni e stabili. Di grande aiuto per questa azienda è stato seguire le regole dell’università di Bordeaux da cui proviene l’agronomo che ne segue i vigneti.